La Chiave del Successo - Totagri: Farmacia Agricola e forniture per agricoltura, artigianato e industria

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Chiave del Successo

La chiave del successo? La fidelizzazione della clientela. Alessandro Solazzo, che lavora attivamente con la moglie Carmela Montemarano alla gestione della Totagri a Canosa di Puglia (Ba), non ha dubbi. Per conquistare la fiducia del cliente occorre mettersi a disposizione, girare per le campagne, offrire consulenze serie, garantire efficienza e risultati produttivi. Ma è proprio quella fiducia ad affezionare e legare i clienti all'azienda e a fare la sua fortuna.

"Numerosi agricoltori, tecnicamente già abbastanza preparati, pongono richieste molto precise. Cresce inoltre la schiera di quelli interessati alle produzioni integrate e biologiche. Infine una larga fascia di contadini poco esperti ha bisogno non solo di consigli, ma persino di un tecnico che sappia decidere per loro il tipo di trattamento fitosanitario. i tempi e i prodotti da utilizzare. A tutti, nessuno escluso, mi impegno a fornire le adeguate informazioni tecniche prima ancora di vendere i prodotti. A tutti i più aggiornati consigli, e anche, se necessario, di non trattare. A tutti la garanzia del risultato positivo".
Forte di tali convinzioni Solazzo ha saputo costruirsi dal nulla un lavoro che gli assicura non poche soddisfazioni.
"La molla è stata la paura di essere licenziato a 40 anni. Nel 1979, a 26 anni, lavora come funzionario vendite per una società agrochimica che non mi garantiva alcun futuro. Così ho deciso di investire in modo più redditizio il diploma di perito agrario, rispondendo all'esigenza degli agricoltori locali consulenze tecniche approfondite e prodotti di qualità e inserendomi in un ambito commerciale in forte espansione. L'attìvìtà è cresciuta a un ritmo costante. Io e mia moglie siamo partiti con appena 50 m. in affitto, poi pian piano abbiamo reinvestito gli utili e raggiunto la buona dimensione attuale".

Nel quotidiano confronto con gli agricoltori Solazzo deve misurarsi soprattutto con i non semplici problemi agronomici della peschicoltura della viticoltura da tavola e da vino e dell'olivicololtura.
"Quelli più comuni e complessi sono la cidia del pesco la tignoletta dell'uva e la mosca dell'olivo. Ma ogni agricoltore ha le sue piccole e grosse difficoltà. Quest'area a cavallo delle province di Bari e Foggia è particolarmente siccitosa. Perciò è prìoritarìa l'ìrrtgazìone, che si è sviluppata negli ultimi 20 anni utilizzando acqua di pozzi artesiani e dei conzorzi di bonifica di Terre d'Apulia e di Capitanata.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu